Partner Cus

 


fitnessnew              Fitnessgnew              giovanilinew              ballonew              rugbynew              arconew              golfnew              schermanew   

 

 Tennisnew               scinew               velanew               windsurfnew               arrampicatanew               nuotonew               walkingnew

 


 

Con queste parole il Mental Coach Alberto Bucci, allenatore di basket di grande successo internazionale e osservatore sportivo, ha delineato dinanzi ad una numerosa platea di studenti delle scuole superiori  presenti stamattina presso il PalaUnimol di Campobasso sede del CUS Molise, le condizioni principali che dovrebbero caratterizzare il cammino di crescita di ogni adolescente nella ricerca delle personali qualità e potenzialità umane.

In presenza di altri ospiti di livello come l’attore cinematografico molisano Giorgio Carreccia e dell’arbitro interrnazionale Enrico Sabetta, Alberto Bucci mediante un linguaggio chiaro e diretto è riuscito ad attirare l’attenzione del pubblico costituito perolpiù da giovani i quali non hanno fatto mancare il loro entusiasmo quando il Coach Bucci ha sottolineato il valore del talento racchiuso in ognuno di noi, la consapevolezza delle proprie potenzialità soggettive che si acquisiscono durante il corso della propria esistenza, in modi e in tempi diversi a seconda della nostra individualità,  rappresenta uno strumento fondamentale per offrire il meglio di se stessi nell’esercizio delle proprie attività, non solo per una gratificazione personale,ma anche per dare un contributo alla nostra Comunità di appartenenza.

Risulta chiaro, quindi, secondo il pensiero di Bucci, che ogni individuo, in particolare gli adolescenti, possiedono delle peculiarità personali che vanno ricercate e sviluppate durante l’esperienza di vita, “ognuno di voi, ha sottolineato Il Coach Bucci rivolgendosi ai giovani presenti, è un soggetto unico e irripetibile, capace di poter dare il massimo di sé stesso, solo se, naturalmente, il tutto è sostenuto dalla volontà e dalle scelte che si fanno intorno al proprio futuro”.

Da allenatore di squadre di basket di lunga esperienza e profondo conoscitore dei giovani e dei loro problemi, dei loro scoraggiamenti che spesso caratterizzano questo periodo della vita particolarmente delicato, Alberto Bucci rileva l’importanza delle relazioni umane che l’adolescente  può costruire e realizzare nel corso della propria vita, solo tramite un’esperienza umana vissuta nel contesto di gruppo, sia esso una squadra di basket, di calcio, un coro musicale, o una classe di scuola, o ancora, un associazione culturale; è possibile scoprire il proprio talento personale, infatti è la ricchezza del confronto stabilito con l’altro che permette al singolo di conoscere meglio se stessi e trovare i modi per superare determinati problemi, grazie a tale processo di costruzione della propria identità sociale ed individuale risulta possibile giungere alla conoscenza del talento racchiuso in sé ed esprimerlo al meglio lungo il corso della vita.

L’intelligenza emotiva concepita come facoltà di applicare in modo corretto ed equlibrato le qualità  personali come la creatività, l’autostima, l’autocontrollo, l’empatia associate alle capacità relazionali, si indroduce  in un dibattito di profondo interesse che vede il pubblico dei giovani ascoltatori coinvolto ed attento nel recepire degli insegnamenti di vita forniti da Coach Alberto Bucci anch’egli visibilmente entusiasta e motivato di comunicare con suoi interlocutori, fatta principalmente di adolescenti, ma non solo, gli stessi educatori presenti, ovvero gli insegnanti sottolineando che grazie anche alla loro attività  di trasmissione della conoscenza culturale e del sapere scintifico-umanistico, evidenzia il Coach, i giovani possono maturare e scoprire il personale potenziale interiore e tradurlo in azione pratica nel conseguimento dei propri obiettivi personali.

L’evento di questa importante giornata, che si è realizzato grazie al supporto organizzativo del personale dell’Università degli studi del Molise ed alla collaborazione del CUS Molise, si è concluso con l’augurio che questa  esperienza di dibattito e di confronto, arricchita dalla figura di  Alberto Bucci possano maggiormente motivare gli adolescenti della nostra Regione a compiere scelte fondate e consapevoli basate sui valori che da sempre lo sport intende trasmettere alle coscienza del singoolo e della comunità,  come la solidarietà, il rispetto reciproco e delle diversità culutrali, l’autostima, la consapevolezza del proprio modo di essere, e soprattutto la fiducia  in se stessi e delle proprie qualità umane, personali e culturali.

 

Dott. Gennaro Pignalosa

Ufficio stampa CUS Molise

JSN Nuru template designed by JoomlaShine.com